FESTIVAL DEL GIORNALISMO ALIMENTARE

FESTIVAL DEL GIORNALISMO ALIMENTARE

ITALIA ZUCCHERI  L’innovazione made in Italy rivoluziona il comparto zucchero

Cooperativa dei Bieticoltori italiani è oggi l’unica realtà locale del comparto saccarifero nazionale e punta sull’innovazione per far fronte alla concorrenza internazionale

 

La liberalizzazione del comparto bieticolo-saccarifero scattata il 1° ottobre 2017 ha aperto il mercato italiano agli agguerriti competitor europei ed extraeuropei pronti alla guerra sul prezzo per conquistare preziosi punti di share.

Dopo anni di progressiva deregolamentazione che hanno decimato le imprese del ramo, in Italia resiste una sola realtà industriale: la cooperativa COPROB fondata nel 1962 a Minerbio (Bo), presente sul mercato con il marchio Italia Zuccheri è oggi rimasta l’unica realtà produttrice di zucchero italiano e può vantarsi dell’etichetta 100% made in Italy.

Con i suoi 250 dipendenti fissi, a cui si aggiungono 300 stagionali che operano nei due stabilimenti di Minerbio (Bo) e Pontelongo (Pd), COPROB riunisce 7.000 aziende agricole (di cui 4.985 soci conferenti) che gestiscono 30.000 ettari seminati a bietole tra Emilia Romagna e Veneto in cui si producono ogni anno oltre 2 milioni di tonnellate di bietole, la cui lavorazione dà origine a circa 280.000 tonnellate di zucchero.

Quella disegnata dai numeri è un’organizzazione importante senza la quale l’Italia sarebbe uno dei pochi Paesi al mondo con un consumo di zucchero di 1.700.000 tonnellate a non disporre di una produzione nazionale, pur essendo il terzo mercato di consumo in Europa.

 

Italia Zuccheri: Innovare per competere con il Made in Italy

Mantenere l’attuale zoccolo duro di produzione, che oggi copre soltanto il 16% del fabbisogno di zucchero nazionale, è dunque fondamentale per il nostro Paese.

Una responsabilità sociale che COPROB si è assunta pienamente per rispetto verso il territorio in cui opera, verso i suoi dipendenti e la salvaguardia del loro posto di lavoro e verso l’intero settore agricolo, per il quale la coltura della barbabietola da zucchero, nell’ambito della rotazione delle coltivazioni, rappresenta un elemento fondamentale per il rinnovo dei terreni e la loro resa produttiva.

Per mantenere questo delicato equilibrio, che con la liberalizzazione dello zucchero e l’inevitabile arrivo sul mercato italiano delle grandi multinazionali estere rischia di essere compromesso, COPROB – che è attiva sia nel canale industriale che in quello consumer con il brand Italia Zuccheri – ha deciso di giocare d’anticipo muovendosi in due direzioni.

La prima: fare leva sulla base sociale, da sempre suo punto di forza insieme alla flessibilità e alla multiformità della sua organizzazione, per valorizzare pienamente la produzione nazionale quale garanzia di continuità di approvvigionamento per l’industria agroalimentare, nonché di certificazione sotto il profilo qualitativo ed ambientale.

La seconda: imboccare la strada dell’innovazione. Scelta, quest’ultima, che ha richiesto ingenti investimenti in ricerca e sviluppo per valorizzare ancora di più la qualità e l’italianità dei prodotti.

Due caratteristiche che COPROB ha strategicamente fatto diventare la sua cifra distintiva per fronteggiare l’agguerrita concorrenza tedesca e francese. Soprattutto dopo che nel luglio 2016 un nome storico dell’industria saccarifera italiana come Eridania è diventata al 100% francese.

 

Innovare per crescere: Nostrano, un primato tutto italiano

Il percorso è durato mesi, ma alla fine ha dato i suoi frutti con la nascita di Nostrano, il primo e unico zucchero grezzo di barbabietola 100% italiano, nato per rispondere alle esigenze dei consumatori che sono sempre più attenti a quello che mangiano, con la predilezione per cibi più grezzi e di provenienza certificata anche quando si tratta di dolci.

La New entry del portfolio Italia Zuccheri si affianca a un’articolata offerta di prodotti 100% italiani che soddisfa ogni gusto ed esigenza, sia prodotti per i professionisti sia per il consumatore, che include la gamma dello zucchero classico e Zuccherissimo, lo zucchero speciale per chi ama preparare i dolci in casa.

Un primato tutto italiano anche quello di Nostrano, frutto di investimenti in ricerca e sviluppo e di una revisione completa dei processi produttivi. È un prodotto autentico di nome e di fatto che offre ai consumatori la garanzia della qualità e della genuinità tipiche di tutto ciò che è totalmente italiano, ovvero tracciato dal campo alla tavola, presentando caratteristiche tattili e organolettiche simili a quelle dello zucchero di canna.

Grazie ad un processo innovativo chiamato “lavorazione rispettosa”, che agisce attraverso l’azione combinata di pressione e temperatura, Nostrano preserva integro l’aroma del succo madre della barbabietola. Si ottiene così uno zucchero grezzo dal colore ambrato e dal gusto armonioso.

Perfetto alleato per tutte le preparazioni e per dar sfogo alla libera creatività in cucina, Nostrano è uno zucchero grezzo dall’aroma armonioso che esalta il gusto del caffè e degli infusi ed è perfetto per dolcificare creme e dolci.

Ma il percorso di innovazione di Italia Zuccheri prosegue e, dopo due anni di sperimentazione agronomica, nella campagna 2019 verrà prodotto il primo zucchero biologico 100% italiano, frutto del tenace lavoro degli agricoltori, dei tecnici della cooperativa e dell’apporto di importanti partner che hanno consentito di creare la prima Filiera Italiana di Zucchero Biologico, una filiera tracciata, garantita e di qualità.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone